Ad Est della Cinepresa

Sguardo disincantato al cinema asiatico

Recensione: Here, then, di Mao Mao

Questo film diretto da un coraggioso cineasta cinese, Mao Mao in grado di usare con cura e attenzione una macchina da presa lavorando su piani fissi e attente carrellate, si è portato a casa un premio dal Festival del Cinema di Edimburgo.

È ben narrato il disagio dei giovani cinesi relegati in periferia della Nazione, bombardati dagli input di un capitalismo sfrenato che li spinge a comprare, comprare e comprare, mentre per campare devono arare il campo, il lato debole del prodotto si trova nella labilità delle storie di questi giovani che ruotano intorno ad un cellulare perduto.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 novembre 2014 da in cina, cinema, cinema asiatico, drama, recensione con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: