Ad Est della Cinepresa

Sguardo disincantato al cinema asiatico

Uno sguardo all’altra parte: True Detective (serial tv) ★★★★★

Firestorm È un film in otto parti, non c’è nulla di un serial TV, soprattutto del suo obbligo di costruire ad ogni episodio una vicenda o situazione che sia emblematica dell’atmosfera che si vorrà proporre.

 

Ma per farlo bisogna dilatare il tempo narrativo, e qui viene in aiuto l’ambientazione scelta, il Sud degli States, le sue gigantesche distese di praterie, i suoi fiumi, terreno fertile per citare i Fratelli Cohen, Peckinpah o il Wenders di Paris, Texas, ma tutto questo non basterebbe se non fosse presente una stella polare che garantisce colore ai personaggi e profondità alle situazioni.

E questo è Cohle interpretato da un magnifico Matthew McConaughey un one man show insaziabile.

 

Gestualità e espressività facciali sono elementi cardini di un attore, che egli si lanci in filippiche filosofiche di eraclitea memoria o che sia l’algido ispettore di polizia che estirpa le confessioni poco conta, non si ha mai voglia che la cosa finisca.

 

Cohle che vive in un mondo congelato, ha perso troppo per accettare di continuare a fare compromessi, vive per un ideale che lo corrode fino alla coscienza più profonda.

 

È Marty il suo collega a vivere la vita per lui, incapace di accontentarsi di quello che ha, distrugge tutto,  per poi pentirsene, apparentemente diversi, in verità no, o meglio quello che li tiene Uniti è la sete  di giustizia, cioè quell’incapacità di mettersi alle spalle una sconfitta, certo Marty la cela dietro ettolitri di alcool o tradimenti, ma ha solo bisogno che qualcuno lo sproni, tipo Cohle.

 

Il loro rapporto non ha nulla di simile ad una compagnia militaresca, quella morbosa Fratellanza che porta ad essere un tutt’uno. I due non si conoscono e non vogliono conoscersi, ma proprio per questo anche dopo anni di distanza, dopo litigi o rancori possono collaborare e sacrificarsi l’uno con l’altro,perché hanno la stessa forma mentis.

 

Un prodotto inizia con un Flashforward, i nostri due poliziotti ora più anziani vengono interrogati per ricostruire un vecchio caso di omicidio seriale del 1995.

 

In questo viaggio che sfiora i classici elementi della storia americana, fanatismo religioso collegato all’efferata violenza di un paese abituato a difendersi da sé non conta che soluzione del problema sia un classico, conta come vengano caratterizzati i personaggi e come le vicende si susseguono.

regia: 9
sceneggiatura: 8
recitazione: 9
8.7

link imdb

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 6 agosto 2015 da in 2014, crime, mistery, serial tv, usa con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: